Foreste

Nell’ambito del progetto pilota per la PCA H1 “Regione dei laghi Insubrici” sono stati commissionati diversi studi che hanno come tematica le foreste.
Sulla base di questi studi sono stati individuati dei precisi settori d’intervento prioritari, in linea con quanto previsto dal Piano d’azione per la PCA H1.  

I progetti promossi dal WWF

La mappa dei progetti

Grazie ad una gestione agricola adeguata e alla creazione di collegamenti idonei tra gli ambienti naturali, diverse specie minacciate dalla cementificazione e dalle pratiche agricole intensive, ritrovano spazi vitali dove rifugiarsi, trovare cibo e riprodursi.

La cerreta presenta ancora una parvenza di cotica erbosa, per questo motivo il suo recupero e la sua gestione regolare è di grande interesse non solo culturale, ma anche naturalistico.

La presenza di un popolamento di Quercia Cerro (Quercus cerris) nella zona di Compro è un fatto di rilevante rarità e testimonia forse di una forma tradizionale di coltura, adeguata al substrato calcareo della zona, più che alla crescita del Castagno (Castanea sativa). 

Salèra è una sella naturale tra il Monte Generoso e il Monte Sant'Agata sopra il nucleo di Rovio, con un prato pianeggiante in mezzo al bosco e alcuni tigli molto vecchi. 
L'oggetto proposto per l'intervento di recupero è un bosco di Carpino Nero (Ostrya carpinifolia) sul versante del Monte Generoso, lungo il sentiero che da Bogo scende leggermente verso Salèra. 

La Baccante (Lopinga Achine) è una farfalla dalle ali color cioccolato con puntini che sembrano dei grandi occhi tondi. È una specie fortemente minacciata e per questo motivo è considerata un esemplare da conservare e proteggere in modo prioritario, sia a livello svizzero che europeo.  

La cura dei margini boschivi è fondamentale per la biodiversità e per valorizzare i comparti boschivi. Gli ecotoni sono importanti per flora e fauna e per la messa in rete degli ambienti, fondamentale nella regione a causa della notevole frammentazione.

ll WWF Svizzera Italiana è attivo nel Gruppo Cantonale riserve Forestali, composto da rappresentanti dei servizi cantonali interessati con lo scopo di valutare progetti e proposte e definire le strategie per inserire le riserve forestali nel sistema cantonale di aree protette.

Bosco: tra gestione e biodiversità

Le foreste rappresentano l’habitat con la maggiore diversità in Svizzera. Qui sono di casa oltre 20’000 specie animali, innumerevoli piante e funghi, licheni e muschi. Questo è quanto sottolinea la nuova campagna «Diversità-forestale». Venite anche voi a fare una passeggiata e scoprite in prima persona che cosa significa diversità nel bosco. 

Specie d'interesse

Le popolazioni di cervo volante dell'Europa settentrionale si sono via via ridotte. Nel Sud delle Alpi, nonostante una diminuzione iniziata negli anni ’70, le popolazioni si sono invece mantenute in buono stato, diversamente a quanto accaduto nel Nord delle Alpi e in molti paesi europei dove le popolazioni di pianura sono scomparse o fortemente minacciate. 

La Testuggine d’acqua (Emys orbicularis) è l’unica tartaruga indigena della Svizzera. Questa specie è strettamente legata alle zone umide e in Svizzera vive esclusivamente in stagni, laghetti e lanche di fiumi che possiedono una vegetazione ripuale rigogliosa. 

Rassegna stampa

L'importanza dei boschi - di Susanna Petrone, 25 maggio 2020, #Gaia LaRegione

La sete del bosco. Come le foreste reagiscono alla siccità e come aiutarle - di Sisef e Giorgio Vacchiano, 4 agosto 2020, Lifegate

.hausformat | Webdesign, TYPO3, 3D Animation, Video, Game, Print