Lavoro politico

Il WWF da grande importanza al lavoro politico. Per informare e sensibilizzare i politici, il WWF agisce nei seguenti modi:

  • informa per iscritto o mediante contatti personali personalità politiche di tutti i partiti sui temi ambientali;
  • da vita a campagne mediatiche, partecipa a dibattiti;
  • i collaboratori o i mebri di comitato partecipano attivamente alla vita politica nei rispettivi partiti;
  • elabora dei 'rating' (valutazione del voto dei politici eletti sui principali temi ambientali);
  • lancia o sostiene iniziative, referendum e petizioni;
  • prepara atti parlamentari (mozioni, interpellanze) e chiede ai politici di sottoscriverli.

Attualmente il responsabile della Sezione WWF Svizzera italiana, Francesco Maggi, è deputato in Gran Consiglio per I Verdi. Per il WWF conta comunque la sensibilità del singolo deputato indipendentemente dalla sua appartenenza politica.

Temi attuali

Iniziativa per l'efficienza elettrica

In Svizzera potremmo diminuire il consumo di elettricità del 40% senza dover rinunciare a nessuna comodità. Se utilizzassimo l’energia in maniera più intelligente, non avremmo bisogno di nuove centrali elettriche inquinanti e la svolta energetica diverrebbe finalmente realtà. 

L'iniziativa, lanciata dall'Alleanza per il clima, tra cui figura il WWF, chiede di sfruttare l'elevato potenziale di aumento dell'efficienza per stabilizzare i consumi globali di corrente elettrica in Svizzera all'anno 2011. Eccezioni sono previste in caso di elettrificazione del parco auto.

L'iniziativa è riuscita ed è attualemtne in discussione alle camere federali nell'ambito della svolta energetica.

Iniziativa spazi verdi

foto Yannick Andrea/WWF

L'iniziativa cantonale 'spazi verdi per i nostri figli', lanciata dai Cittadini per il Territorio e sostenuta dal WWF, chiede la tutela degli spazi verdi di pianura del Canton Ticino. Entro 5 anni il Cantone dovrà elaborare un Piano di utilizzo cantonale (PUC) per le pianure del Laveggio, Vedeggio, Piano di Magadino e Riviera. Negli spazi verdi di fondovalle non edificati in larga misura, la zona edificabile va ridotta, in particolare se in presenza di terreni non ancora urbanizzati.

L'iniziativa è stata sottoscritta da oltre 14 mila cittadini ed è attualmente in discussione nella Commissione speciale della pianificazione del Gran Consiglio.

.hausformat | Webdesign, TYPO3, 3D Animation, Video, Game, Print